Crea sito

Gli insegnamenti segreti di Gesù nel Vangelo di Tommaso

Il Vangelo di Tommaso rappresenta uno dei testi più significativi del panorama gnostico. Considerato contemporaneo dei quattro vangeli sinottici, esso costituisce una raccolta di insegnamenti pronunciati dallo stesso Gesù, raccolti e messi in forma scritta dall’apostolo Tommaso. Di quest’opera è celebre l’incipit:

Ecco le parole segrete che Gesù Vivente ha detto e che Didimo, Giuda Tommaso, ha trascritto.

Con la progressiva scomparsa della dottrina gnostica, il Vangelo di Tommaso finì nel dimenticatoio e venne avversato dalla Chiesa. Vediamone i motivi.

vangelo di Tommaso

Il Vangelo di Tommaso

Il testo è una raccolta di 114 insegnamenti (lògia) di Gesù e scritti dal fedele apostolo Tommaso. Bisogna però tenere a mente che Didimo e Tommaso sono due appellativi per fratello: Didimo in aramaico e Tommaso in greco. Quindi Didimo Giuda Tommaso potrebbe anche voler significare fratello Giuda, ovvero quello che, secondo alcuni autori, era il discepolo prediletto dal Cristo. Giuda era stato l’unico infatti a comprendere le parole del maestro Gesù e la testimonianza ci viene fornita dallo stesso Vangelo di Giuda.

–> Il Vangelo di Giuda: il tradimento su richiesta dello stesso Gesù <–

La datazione

Anche il Vangelo di Tommaso fa parte dei testi gnostici ritrovati nel 1945 nella località egizia di Nag Hammadi. Anche se potrebbe essere contemporaneo dei più noti Vangeli sinottici, alcuni studiosi ritengono quest’opera di epoca successiva, databile attorno alla prima metà del II secolo d.C. Nonostante il testo completo sia di Nag Hammadi, alcuni frammenti erano già stati rinvenuti nella città di Ossirinco alla fine del XiX secolo.

–> I Vangeli gnostici: un aspetto ancora sconosciuto del Cristianesimo <–

Il contenuto

A differenza dei Vangeli sinottici, il Vangelo di Tommaso si costituisce di precetti professati direttamente da Gesù con il metodo narrativo del “Gesù disse“. Inoltre tale opera non racconta nulla della vita del Cristo, del suo processo, della sua crocifissione, della sua morte e della sua resurrezione. E’ solamente una raccolta di insegnamenti utili a conoscere, da un punto di vista diverso, la dottrina cristica.

vangelo di Tommaso

Testimonianze

Per quanto riguarda il Vangelo di Tommaso, vi sono alcune testimonianze di alcuni eminenti Padri della Chiesa che ne parlano nei loro scritti. Prova evidente che ci si trova d’innanzi ad un’opera nota nel Cristianesimo primitivo. Tra coloro che citano questo testo, abbiamo Sant’Ippolito di Roma nella sua Refutatio omnium haeresium ma anche Origene nella sua Omelia su Luca.

Gli insegnamenti del Vangelo di Tommaso

Abbiamo un Gesù che, il più delle volte, irride gli apostoli i quali non riescono a comprendere le sue parole. A differenza di ciò che sappiamo dai Vangeli canonici, nell’apocrifo di Tommaso, troviamo qualcosa di davvero sconvolgente. Ci limitiamo a citare solamente due lògia.

3. Gesù disse, “Se i vostri capi vi diranno, ‘Vedete, il Regno è nei cieli’, allora gli uccelli dei cieli vi precederanno. Se vi diranno, ‘È nei mari’, allora i pesci vi precederanno. Invece, il Regno è dentro di voi e fuori di voi.

18. I discepoli dissero a Gesù, “Dicci, come verrà la nostra fine? ”Gesù disse, “Avete dunque trovato il principio, che cercate la fine? Vedete, la fine sarà dove è il principio. Beato colui che si situa al principio: perché conoscerà la fine e non sperimenterà le morti.”

Basterebbero solamente questi due lògia per far risaltare due concetti fondamentali: il Regno di Dio, la scintilla divina, è insita nell’uomo ed egli non la deve ricercare altrove. In secondo luogo, viene affermata la dottrina della reincarnazione, accettata e sostenuta nel Cristianesimo primitivo.

–> Alcune testimonianze cristiane sulla Reincarnazione <–

Sono quindi evidenti alcune analogie tra il Vangelo di Tommaso e le dottrine orientali. Per comprendere appieno le parole dell’apocrifo di Tommaso, viene messo il link che rimanda al testo completo.

—>PER LEGGERNE IL CONTENUTO VAI AL TESTO INTEGRALE<—

Conclusione

Così come gli altri testi gnostici, anche il Vangelo di Tommaso non viene accettato dalla Chiesa Cattolica. I motivi principali crediamo siano proprio da rintracciare nei due lògia suddetti. Riaffermare la dottrina della Reincarnazione e sostenere che il Regno di Dio si trova all’interno, nel cuore, di ogni uomo è qualcosa di molto pericoloso per le gerarchie ecclesiastiche. In quanto, seguendo questi semplici concetti, ciascun essere umano può tornare ad essere sacerdote di se stesso senza alcun controllo mentale o psicologico da parte di chicchessia. Si creerebbe, o meglio, si tornerebbe, ad un rapporto diretto uomo-Dio, così come avveniva nel Cristianesimo primitivo con pratiche come l’esicasmo (LINK).

Prometheus

(Visited 47 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*