Crea sito

il Libro di Enoch: quali pericolosi segreti contiene? Perchè venne bandito?

Il racconto di Enoch ed i problemi per la Chiesa

Il Libro di Enoch descrive la discesa dal cielo in Palestina di 200 angeli comandati da Semeyaza. Essi, pur facendo parte dell schiere angeliche, scelgono delle donne e si accoppiano con loro generando giganti violenti ma dalla scarsa intelligenza, i Nephilim della Genesi. Questi Angeli ribelli forniscono agli uomini alcuni insegnamenti come la scrittura, la fusione dei metalli, la lavorazione delle radici e delle erbe per farne dei farmaci. Ma anche a costruire armi, i segreti dell’astronomia, della biologia, ecc.

Infuriato dal fatto che gli esseri umani potessero conoscere troppe cose ed a causa della crudeltà dei giganti, Dio decide di punire uomini ed Angeli scatenando il Diluvio. Egli invia Uriel a Noè per annunciargli la punizione divina, ordina a Raphael di legare Azazel, uno dei capi della rivolta, e a Michele di legare Semeyaza e gli altri angeli e di imprigionarli sotto terra.

Dopo essere stato portato in Cielo da due angeli, Enoch viene istruito su alcuni segreti celesti e inviato di nuovo sulla terra per annunciare agli Angeli ribelli, detti Vigilanti, la loro punizione divina. Dopo di che, Enoch fa ritorno tra i suoi cari per salutarli ed avvisarli che verrà preso da Dio.

Questa differente versione della Ribellione angelica è solo uno dei problemi che hanno portato la Chiesa e disconoscere il Libro di Enoch. Vediamo gli altri.

Libro di Enoch

La Caduta degli Angeli ribelli

Se tutto ciò può sembrare assurdo, la medesima storia la si trova anche nella Bibbia. Infatti in Genesi 6, 1-5 leggiamo:

Quando gli uomini cominciarono a moltiplicarsi sulla terra e nacquero loro figlie, i figli di Dio videro che le figlie degli uomini erano belle e ne presero per mogli quante ne vollero. Allora il Signore disse: «Il mio spirito non resterà sempre nell’uomo, perché egli è carne e la sua vita sarà di centoventi anni».
C’erano sulla terra i giganti a quei tempi – e anche dopo – quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli: sono questi gli eroi dell’antichità, uomini famosi.
Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che ogni disegno concepito dal loro cuore non era altro che male. (Genesi 6, 1-5)

Doveroso sottolineare che il termine giganti non compare nella versione ebraica originale dal momento che il termine è nephilim, dal verbo naphal, scendere, proprio per indicare l’atto della discesa di qualcuno dall’alto. Giganti (in greco ghigantes) è la traduzione fatta dal Settanta Saggi che tradussero la Bibbia in lingua greca, alterandone così testo e significato.

Cancellando dalle Scritture il Libro di Enoch, la Chiesa ha astutamente associato la caduta degli Angeli alla ribellione di Lucifero quando, invece, non ha nulla a che vedere essendo due fatti diversi. Dopo aver quindi creato la figura di Satana, averla assimilata a quella di Lucifero ed aver travisato i fatti alterando il vero racconto della Caduta degli Angeli, la Chiesa si è costruita un nemico perfetto per Dio. Se, da una parte troviamo Dio con le schiere angeliche, dall’altra abbiamo dunque Satana/Lucifero con le schiere demoniache. Per chi volesse approfondire il discorso si rimanda il lettore ai seguenti articoli:

Lucifero e la sua demonizzazione

L’invenzione della figura di Satana

Il Figlio dell’uomo

Libro di EnochMa torniamo al Libro di Enoch. Se la Caduta degli Angeli può essere stata una della cause principali che hanno collocato l’opera tra i testi apocrifi, forse la parte più interessante deve ancora venire. Nel capitolo XLVI della parte denominata, a posteriori, il Libro delle Parabole, Enoch scrive:

“La io vidi l’Antico dei giorni il cui capo era come lana candida, e con lui un altro, il cui aspetto ricordava quello di un uomo. Il Suo aspetto era pieno di grazia, come quello dei santi angeli. Allora io chiesi a uno degli angeli, che erano con me e mi mostravano ogni cosa segreta, a riguardo di questo Figlio dell’uomo; chi fosse, da dove venisse e perché accompagnasse l’Antico dei giorni. Egli mi rispose e mi disse, Questo è il Figlio dell’uomo, a cui appartiene ogni giustizia, da cui è plasmata ogni giustizia e che rivelerà ogni tesoro che ora è celato: poiché il signore degli spiriti lo ha scelto ed Egli ha sorpassato tutti in eterna giustizia agli occhi del Signore degli spiriti.”

In primo luogo, Dio viene chiamato con l’appellativo cabalistico di Antico dei giorni e raffigurato con i capelli bianchi, da cui nasce l’iconografia cristiana che tanto successo ha avuto. In secondo luogo, compare un termine che ha suggerito diverse interpretazioni: “Figlio dell’uomo“. Secondo alcuni esegeti biblici, questo appellativo sarebbe da far riferire a Gesù, il quale viene detto proprio “Figlio dell’uomo” in diversi passi del Vangelo di Matteo. Ma tutto ciò sarebbe stato blasfemo e sconveniente per la Chiesa e per la nascente religione dell’Occidente: il Cristianesimo. Ecco anche perchè il Libro di Enoch venne messo al bando e dichiarato, in seguito, eretico.

Conclusione

Il Libro di Enoch è solamente uno dei tanti testi dichiarati apocrifi dalla Chiesa. Basti, ad esempio, pensare ai Vangeli gnostici ci cui abbiamo parlato QUI. Se si prende l’immensa mole di testi cristiani ma, soprattutto, paleocristiani dell’epoca, messi al bando, chissà quale religione e quali verità ne uscirebbero fuori…

Per chi fosse interessato alla lettura del Libro di Enoch, si rimanda ai diretti link:

I Enoch o Libro dei Vigilanti

II Enoch o Libro dei Segreti di Enoch

III Enoch o Apocalisse Ebraica di Enoch (in inglese)

 

Prometheus

(Visited 393 times, 1 visits today)