Crea sito

Il Kamasutra: non soltanto sesso ma un vero manuale d’amore

kamasutra

Il Kamasutra (dal sanscrito Kama, passioni sessuali e Sutra, libro, manuale) è il nome con cui è conosciuto il famoso Trattato dell’Amore indiano scritto dal brahmano Mallnaga Vatsayayana intorno al VI secolo d.C. Andiamo a conoscere meglio quest’opera che i più associano ad un semplice giornalino pornografico.

Cosa è davvero il Kamasutra

A causa della nostra ignoranza, noi occidentali concepiamo il Kamasutra quasi esclusivamente come una rivista erotica o un libro peccaminoso da mettere al rogo. Esso per gli Indiani rappresenta molto di più in quanto fornisce una guida ai quattro scopi della vita a cui ciascun essere umano dovrebbe puntare. Il benessere psicofisico, Artha; il piacere sessuale, Kama; il senso etico inteso come legge morale, Dharma; la liberazione dal mondo materiale e dal ciclo delle rinascite, Moksha.

Il Kamasutra è considerato il più importante trattato sull’ars amatoria a livello globale e, nonostante la sua importanza nei rapporti di coppia, solamente la quinta parte di esso parla di sesso. Infatti i restanti argomenti sono da riferirsi al modo di vivere in società di uomini e donne con consigli di vita: una sorta di galateo.

La struttura dell’opera

Il Kamasutra, scritto in sanscrito, è un’opera sia in prosa che in versi e si compone di 7 libri suddivisi in 36 capitoli:

  • Libro I – rappresenta la parte introduttiva dell’opera e tratta dell’amore in termini generali e sul ruolo che dovrebbe avere nella vita dell’uomo
  • Libro II – è indubbiamente la parte più famosa dell’opera in quanto tratta l’unione sessuale da ogni punto di vista: posizioni, baci, preliminari, sesso orale, orgasmo e molto altro ancora…
  • Libro III – fornisce consigli su come corteggiare una donna, su come trovare una buona moglie, su come interpretare i segnali femminili e su come approcciarsi alle donne
  • Libro IV – spiega il corretto comportamento che le mogli dovrebbero tenere, soprattutto in assenza del marito
  • Libro V – insegna l’arte della seduzione, soprattutto rivolta alle donne altrui e come entrare in intimità con esse
  • Libro VI – tratta il tema delle cortigiane fornendo consigli su come procurarsene una, come trarre vantaggi da essa e come sbarazzarsene una volta stanchi di esse
  • Libro VII – analizza il miglioramento fisico e fornisce spiegazioni su come riacquistare il vigore sessuale facendo anche uso di stimolanti.

Libro II del Kamasutra

Come detto poc’anzi, il secondo Libro del Kamasutra è la parte più conosciuta e, a detta di molti, la più interessante dell’opera. Vengono elencate le famose 64 arti, o posizioni sessuali, ognuna associata al nome di un animale (ape, aquila, antilope, ecc). Il numero 64 non è causale in quanto Vatsayayana affermava che ci fossero ben 8 modi di fare l’amore, ognuno suddivisibile in 8 posizioni.

I rapporti sessuali

I rapporti sessuali non sono sempre uguali ma vi sono diverse varianti che li differenziano:

  • l’energia sessuale, che è diversa a seconda degli amanti e può essere di 3 tipi: fiacca, media o impetuosa dando così vita a 9 diversi tipi di accoppiamenti;
  • il pene (linga) che, a seconda delle dimensioni, permette di suddividere gli uomini in 3 tipi: coniglio-piccolo, toro-medio o stallone-lungo;
  • la vagina (yoni) che, a seconda dell’ampiezza, consente di suddividere le donne in 3 tipologie: cerva-stretta, giumenta-normale o elefantessa-larga

Il piacere

kamasutraOvviamente il piacere femminile e quello maschile sono differenti perché, quando l’uomo raggiunge l’orgasmo, per lui il piacere si ferma. Per la donna invece continua dal momento che ella non può fermare il piacere di sua spontanea volontà. Quindi, se la donna non viene soddisfatta dall’uomo, va a cercarsi altri compagni che le garantiscano maggiori soddisfazioni. Secondo il Kamasutra, infatti, il desiderio sessuale femminile è ben 8 volte maggiore di quello maschile. secondo quanto affermato da Vatsayayana, per riuscire a soddisfare una donna ci vorrebbero addirittura 8 uomini diversi! Interessante notare che l’indovino greco Tiresia affermò che una donna prova un piacere sessuale nove volte più grande di quello di un uomo.

La condizione della donna

Nonostante la donna venga descritta più passiva rispetto all’uomo, non è relegata ad una condizione inferiore. La donna può infatti invertire i ruoli e da passiva e dominata diventare attiva e dominatrice. Insomma, una sorta di gioco BDSM dove lo schiavo diventa dominatore e la schiava diventa dominatrice!

I tipi di amore

Per il Kamasutra vi sono 4 tipologie diverse di amore:

  • quello che nasce dall’abitudine che alla lunga diventa ripetitivo;
  • quello che nasce dall’eccitazione erotica per mano delle immaginazioni, o fantasie erotiche;
  • quello che nasce dal riferimento ad altre persone e dal paragone con esse;
  • quello che nasce dai sensi che rappresenta l’amore più immediato;

Il Kamasutra descrive il rapporto sessuale come una sorta di guerra: si va quindi dai baci leggeri, ai morsi, ai graffi ed alle percosse. Una vera e propria battaglia all’ultimo sangue tra i due amanti. D’altronde, un vecchio adagio non recita che in amore e in guerra tutto è permesso?

Conclusione

kamasutraIl Kamasutra è quindi un vero e proprio manuale sull’amore, inteso non soltanto da un punto di vista carnale. Molti di voi staranno pensando “come sono fortunati gli indiani a godere (in tutti i sensi…) di una tale opera da molti secoli”.

Ben pochi sono a conoscenza che un manuale simile circolava anche in epoca romana e, forse, è anche più antico del Kamasutra. Si tratta infatti del “De figuris coitus” della poetessa Elefantide, risalente al I secolo a.C., dove appaiono posizioni simili a quelle indiane con tanto di spiegazione (LINK). Parafrasando il famoso acronimo S.P.Q.R. verrebbe proprio da dire: Sono Porci Questi Romani!

Prometheus

 

(Visited 71 times, 1 visits today)