Lo Gnosticismo: un’eresia da combattere o una religione da riscoprire?

gnosticismo

Lo Gnosticismo fu una filosofia esoterico-religiosa sviluppatasi tra il II ed il IV secolo d.C. nel bacino del Mediterraneo. Gnosi, in greco gnosis (γνῶσις), significa conoscenza ma, non quella razionale (epistème) ottenuta per mezzo dello studio bensì un tipo di conoscenza interiore, una sorta di riscoperta della vera natura umana.Tale concetto era espresso chiaramente anche sul frontone dell’Oracolo del tempio di Apollo a Delfi con la famosa incisione gnoti sauton (γνώθι σεαυτόν), conosci te stesso:

Ti avverto, chiunque tu sia:
Oh tu che desideri sondare gli arcani della Natura,
se non riuscirai a trovare dentro te stesso
ciò che cerchi, non potrai trovarlo nemmeno fuori.
Se ignori le meraviglie della tua casa,
come pretendi di trovare altre meraviglie?
In te si trova occulto il Tesoro degli Dei.
Oh Uomo, conosci te stesso
e conoscerai l’Universo e gli Dei.

Gnosticismo e Gnosi

Per anni venne sostenuta l’idea che lo Gnosticismo fu un’eresia cristiana, almeno sino al ritrovamento nel 1945 dei codici di Nag Hammadi in Egitto.

I principali centri del pensiero gnostico del mondo antico sorsero ad Alessandria d’Egitto ed a Roma anche se vi fu una grande diffusione anche in Siria e nel Medio Oriente soprattutto negli ambienti monastici. Tra i rappresentanti più noti dobbiamo ricordare vescovi come Marcione, Valentino e Basilide ma anche pensatori come Simon Mago, Caporate e Cerinto. Una volta soppiantato dal Cristianesimo romano, lo Gnosticismo venne considerata un’eresia e la maggior parte dei testi vennero distrutti.

Quando le idee gnostiche erano considerate morte e sepolte, ecco che nel Medioevo riapparvero grazie ai Catari, agli Albigesi ed ai Bogomili. Nel 1208 i catari vennero dichiarati eretici e nel 1244 Papa Innocento III lanciò una crociata contro di essi che vennero sterminati dalle milizie cattoliche: questo massacro, perchè di questo si trattava essendo una guerra non combattuta ad armi pari, causò un milione di morti, principalmente tra i Catari armati solo di forconi contro soldati addestrati ed armati di tutto punto.

L’unica setta gnostica che si è mantenuta pressocchè tale e quale alle origini è senza dubbio quella costituita dai Mandei dell’Iraq, probabilmente rimasti isolati grazie alla conformazione geografica del territorio.

Lo Gnosticismo: il Mondo alla rovescia

Il pensiero gnostico è intriso di un pessimismo di fondo che vede un mondo ribaltato rispetto alla tradizione cattolica di matrice ebraica in quanto:

  • il mondo materiale viene visto come un qualcosa di negativo, una sorta di prigione da cui l’anima deve liberarsi
  • Yahweh è identificato con una divinità negativa e non con il dio amorevole predicato dalla teologia cattolica
  • il ruolo del Serpente dell’Eden viene capovolto attribuendogli un ruolo positivo

gnosticismoPer lo Gnosticismo l’Universo è nato da un errore e la sua creazione rappresenta quindi qualcosa di negativo dal momento che l’Unica Vera Realtà è rappresentata dalla Pienezza divina, il Pleroma, formata dall’Uno Inconoscibile dal quale si generano, per emanazioni, gli Eoni. L’ultimo di essi, Sophia, tenta di risalire per all’Uno conoscerlo ma precipita in basso provocando un enorme cataclisma: dalla caduta di Sophia si genera Yaldabaoth, il Demiurgo creatore di questo mondo che da se stesso emana i 7 Arconti. Yaldabaoth è arrogante, geloso, vendicativo e crudele: ha quindi tutte le caratteristiche del dio dell’Antico Testamento. Yaldabaoth crea l’Universo materiale e con la collaborazione degli Arconti plasma l’essere umano (“facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza“) collocandolo in un luogo appartato, l’Eden. Qui l’uomo, grazie al Serpente, una sorta di emissario mandato dal Vero Dio per aprire gli occhi agli uomini (Adamo ed Eva), conosce la Verità, (il mondo superiore, il Padre).

A tal proposito è interessante analizzare i passi del Libro della Genesi riguardanti l’episodio della seduzione di Eva da parte del Serpente:

1 Il Serpente era la più astuta di tutte le bestie selvatiche fatte dal Signore Dio. Egli disse alla donna: «È vero che Dio ha detto: Non dovete mangiare di nessun albero del giardino?». 2 Rispose la donna al Serpente: «Dei frutti degli alberi del giardino noi possiamo mangiare, 3 ma del frutto dell’albero che sta in mezzo al giardino Dio ha detto: Non ne dovete mangiare e non lo dovete toccare, altrimenti morirete». 4 Ma il Serpente disse alla donna: «Non morirete affatto! 5 Anzi, Dio sa che quando voi ne mangiaste, si aprirebbero i vostri occhi e diventereste come Dio, conoscendo il bene e il male». 6 Allora la donna vide che l’albero era buono da mangiare, gradito agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza; prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che era con lei, e anch’egli ne mangiò. 7 Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e si accorsero di essere nudi; intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture.  (Genesi 3, 1-7)

Nonostante Eva abbia paura di mangiare dall’Albero della Conoscenza perchè dio, Yahweh, le ha detto che potrebbe morire, si fida del Serpente, se ne ciba e difatti non muore! Verrebbe da chiedersi come mai il Serpente, visto come simbolo del Male, dice la verità mentre Yahweh, dio, invece mente spudoratamente? Alcune sette gnostiche come gli Ophiti (dal greco Ohis, serpente) ed i Naaseni (dall’ebraico nahash, serpente) adoravano il Serpente come una divinità positiva.

A questo punto, vista la soffrenza umana, Sophia, angosciata e disperata, implora il Padre di inviare sulla terra il Cristo, l’Eone perfetto, che, scendendo attraverso le sette sfere degli Arconti, giunge nel mondo per insegnare agli uomini la Verità. Allora Yaldabaoth-Yahweh scatena il suo popolo prediletto, gli Ebrei, contro Gesù che viene crocifisso: l’uomo Gesù muore mentre l’Eone Cristo risale al Pleroma.

Le principali correnti gnostiche

Marcione

Negava l’importanza dell’Antico Testamento affermando che il vero cristiano deve rinnegare questa parte delle Bibbia. Sosteneva che Yahweh, il dio biblico, fosse una divinità inferiore (Demiurgo), creatrice del mondo, vendicativa e crudele. Per Marcione Cristo è sceso sulla Terra per far conoscere agli uomini il vero Padre, buono e misericordioso.

Valentino

Per Valentino l’unica vera realtà, il Pleroma, è formata da coppie (sigizie) di entità immateriali, gli Eoni. Dalla prima sigizia, Abisso e Silenzio, si generò il Primo Padre (il Dio inconoscibile) che emanò, generandoli, Mente e Verità che a loro volta generano Verbo e Vita che generano Essere ed Ecclesia. Questi primi otto Eoni costituiscono l’Ogdoade. Seguno poi atre due serie da 10 e 12 Eoni: la Decade e la Dodecade. La totalità di questi 30 (8 + 10 + 12) Eoni costituisce il Pleroma. Ma Sophia, la Sapienza, l’ultimo Eone, cercando di esplorare i misteri dell’Abisso provocò un cataclisma, causando così la nascita del mondo materiale. Per rimettere a posto le cose e ristabilire l’ordine, Mente e Verità generano il Cristo il cui compito sarà quello di scendere nel mondo materiale pr far riscoprire agli uomini la loro scintilla divina in maniera tale che essi possano tornare al Pleroma.

Cerinto

Anch’egli sosteneva che il mondo era stato creato da un Demiurgo (il Dio della Bibbia). Affermava che Gesù nacque uomo e solo dopo il Battesimo scese in lui lo Spirito Santo: da quel momento divenne il Cristo insegnado agli esseri umani l’esistenza del Padre sconosciuto.

Carpocrate

Per Carpocrate il mondo era stato creato da Angeli inferiori (gli Arconti) che avevano intrappolato in corpi fisici le anime degli uomini che subivano quindi svariate reincarnazioni fino a quando non avevano ottenuto la liberazione per risalire al Pleroma.

Basilide

Affermava la preesistenza del Non Essere da cui si generò la Mente (Nous) dalla quale si generò la Ragione (Logos) e da questa, dopo diverse emanazioni, una serie di Eoni: la Prudenza (Phronesis), la Sapienza (Sophia) e la Forza (Dynamis). Da questi naquero gli Angeli organizzati in ordine gerarchico e quelli infeiori crearono questo mondo: il più potente di loro era Yahweh, il Dio della Bibbia. Per Basilide Gesù era la Mente (Nous) incarnata in forma umana, discesa per liberare il mondo dal giogo di Yahweh.

I sethiani

Anch’essi pensavano che l’unica realtà fosse il Pleroma formato dagli Eoni e credevano che il mondo fosse stato creato da un essere inferiore (il Demiurgo). Sophia (la Saggezza), l’ultimo degli Eoni, aveva generato 7 figli (gli Arconti): Yaldabaoth (Yahweh), Iao, Sabaoth, Adonai, Elohim, Astaphain e Horaios. Questi sono i creatori dell’uomo, fatto a loro immagine e somiglianza. I Sethiani credevano che Seth fosse stato inviato da Sophia per liberare l’emento spirituale degli uomini e Gesù era l’ultimo discendente di Seth.

La scuola alessandrina

Il principale insegnamento della scuola alessandrina: in principio vi era il Silenzio che generò la Mente (il Nous) da cui si generò il Pensiero, poi il Pleroma si differenziò generando gli Eoni. Sophia, l’ultimo Eone, generò il creatore (Demiurgo) di questo mondo, un essere composito formato da 7 Arconti, i guardiani dei 7 mondi.

I ritrovamenti di Nag Hammadi

gnosticismoNel 1945 a Nag Hammadi, in Egitto, un contadino trovò un otre che conteneva alcuni antichissimi codici risalenti al III-IV secolo d.C. ma composti probabilmente intorno al II-III secolo d.C. Questi papiri erano per la maggior parte testi gnostici scritti in copto ma vi era anche una versione del Corpus Hermeticum di Ermete Trismegisto e della Repubblica di Platone ed è per questo motivo che gli studiosi ritengono tali testi come appartenenti alla biblioteca di un vicino monastero, nascosti dai monaci per sottrarli alla distruzione quando lo Gnosticismo venne dichiarato un movimento eretico. L’importanza dei codici di Nag Hammadi è fondamentale per la riscoperta della tradizione gnostica, creduta oramai andata perduta poichè a noi fino allora erano poche e scarne le fonti pervenute, rappresentate quasi esclusivamente dalle invettive dei Padri della Chiesa (Ireneo, Tertulliano e Giustino) che consideravano lo Gnosticismo come una pericolosa eresia da estirpare.

La scoperta di Nag Hammadi è stata molto importante soprattutto per un aspetto storico-religioso perchè si è capito che il Cristianesimo professato dalla Chiesa è una versione modificata dello Gnosticismo e non viceversa come si credeva.

I sacramenti gnostici

I principali sacramenti dello Gnosticismo erano il Battesimo, l’Unzione e la Camera Nuziale.

Il Battesimo

Tale rito nulla aveva a che vedere con il moderno Battesimo cristiano in quanto veniva praticato da adulti e l’uomo veniva interamente immerso nell’acqua fino a ricoprire la testa, esattamente come avvenne il Battesimo di Gesù nel fiume Giordano ad opera di Giovanni Battista. L’immersione nell’acqua è una similitudine perchè come il corpo al momento dell Battesimo è immerso nell’acqua così l’uomo deve immergersi in se stesso per ritrovare, o meglio recuperare la propria scintilla divina, riscoprendo se stesso.

L’Unzione o morte iniziatica

La morte iniziatica non era un vero e proprio decesso in quanto corrispondeva alle antiche iniziazioni misteriche praticate nel mondo antico in tutto il bacino del Mediterraneo, di cui abbiamo parlato in altri articoli.

La Camera Nuziale ed i riti sessuali

Anche in questo caso non si tratta di unioni sessuali vere e proprie ma dell’uomo che, una volta risvegliato, si appresta ad unirsi in un matrimonio misterico con la sua controparte femminile (confronta il matrimonio alchemico dei Rosacroce).

Conclusione

Perchè lo Gnosticismo è stato così avversato dalla Chiesa ed aspramente combattuto? Perchè è così pericoloso? A differenza del pensiero cattolico per cui la liberazione si ottiene attraverso la fede, lo gnostico non ha bisogno di uomini di culto in quanto l’uomo è sacerdote di se stesso e, solo attraverso una profonda conoscenza interiore, giunge a conoscere Dio.

Secondo gli gnostici però gli uomini possono essere suddivisi in 3 categorie: ilici, psichici e pneumatici.

  • Gli ilici sono materialisti e costituiscono la grande maggioranza dell’umanità. Essi rappresentano il peggio della specie umana in quanto sono ignavi, inetti, pigri, invidiosi, avidi, schiavi dei piaceri del cibo e dediti a piaceri grossolani.
  • Gli psichici sono quelli che conducono una vita lottando tra le lusinghe del mondo e la voglia di conoscere il Divino per elevarsi spiritualmente
  • Gli pneumatici sono  coloro che sanno, i Maestri, che hanno riscoperto la scintilla divina dentro di essi.

Ovviamente essendo lo Gnosticismo una dottrina non elitaria, tutti hanno la possibilità di tornare al Divino ma per farlo sono necessarie diverse rinascite in quanto l’anima in una sola vita, a parte casi eccezionali, non riesce ad ottenere la cosiddetta Illuminazione.

Ricapitolando:

  • l’anima è divina e preesistente al corpo in cui è imprigionata
  • la liberazione si ottiene attraverso una profonda conoscenza interiore
  • l’uomo è sacerdote di se stesso e non necessita di ministri di culto
  • l’anima si reincarna affinchè dopo molte rinascite riesce a ritrovare se stessa

Che dire’ Tutti motivi validi per essere osteggiati e combattuti da chi vuole mantenere un certo potere soggiogando l’Umanità.

Prometheus

Promotion

Articoli relativi

La classificazione delle qualità umane nello Gnost... I 3 Guna o qualità umane Secondo il Samkhya, una delle più antiche scuole filosofiche indiane, la natura umana si compone di 3 qualità detti Guna: Ta...
Analogie tra Gnosticismo ed Induismo, tra i Vangel... Da un'attenta ed approfondita analisi si notano alcune interessanti analogie tra l'Advaita Vedanta e lo Gnosticismo ma anche fra la Bh...
L’Inno alla Perla dell’apostolo Tommas... Il Canto alla Perla L’Inno alla Perla, il cui nome originale è "Canto dell’apostolo Tommaso nella terra degli Indiani" è un testo gnostico (per sap...
I Vangeli gnostici: un aspetto ancora sconosciuto ... I Vangeli gnostici scoperti nella prima metà del XX secolo hanno rivoluzionato la storia del Cristianesimo. Questi preziosi documenti rinvenuti in E...