Crea sito

La Cabala: l’oscura dottrina mistica dell’Ebraismo

cabala

Cabala, dall’ebraico qabbalah (ricezione, trasmissione), è il termine con cui si indica la complessa dottrina mistica dell’Ebraismo. Non bisogna pensare alla Cabala come ad un qualcosa di semplice in quanto essa rappresenta una complessa mole di documenti scritti e tradizioni orali tramandate per secoli dai vari cabalisti.

Cosa è la Cabala

La Cabala nasce essenzialmente nell’Europa medievale attorno al XII secolo, per mano di esegeti biblici di religione ebraica emigrati in Francia e Spagna dalla Palestina. La Cabala, in parole povere, è l’interpretazione esoterica della Torah (il Pentateuco cristiano). Vi sono infatti diversi gradi di esegesi delle antiche scritture ebraiche che, a seconda della complessità, possono essere comprese solamente dai cabalisti più esperti.

Per cabalista non si intende solo colui che legge i testi cabalistici ma, soprattutto, chi studia la Cabala e la pratica regolarmente. Chiunque di noi può prendere in mano un testo cabalistico e leggerlo ma non per questo definirsi un cabalista. Per rendere l’idea è come prendere in mano un libro di ricette e dopo averle lette senza metterle in pratica, affermare di essere un grande chef.

Per comprendere appieno la Cabala bisogna conoscere bene l’alfabeto ebraico con tutte le sue sfaccettature letterarie, mistiche ed esoteriche. Quindi, affermare di conoscere la Cabala senza conoscere il significato occulto delle 22 lettere dell’alfabeto ebraico è alquanto azzardato e pretestuoso.

cabala

I diversi livelli interpretativi

Per interpretare la Torah vi sono diverse vie esegetiche, da quella più semplice a quella più occulta. Riassumendo possiamo dire che le principali tecniche sono principalmente tre:

notaricon: ottenere il significato mistico di un termine adoperando le singole lettere che lo compongono per ottenere le lettere iniziali di altre parole

gematria: ottenere lo stesso significato da due diverse parole sommando i valori numerici delle lettere che le compongono per ottenere la stessa somma numerica

temurah: scambiare le lettere dell’alfabeto secondo regole prefissate in maniera tale da trasmutare un termine in un altro.

Cabala pratica e speculativa

La Cabala può essere di due diversi tipi: pratica e speculativa. La prima tende ad analizzare i testi strettamente da un punto di vista letterario cercando di indagare sui diversi nomi, o appellativi, di Dio. La seconda, quella speculativa, è incentrata su ricerche cosmogoniche, magiche e spirituali. Secondo alcuni studiosi vi sarebbe anche la Cabala inversa che non staremo qua a trattare.

Il punto focale della Cabala speculativa è il rapporto uomo-Dio, microcosmo-Macrocosmo. Essa punta ad una profonda ricerca interiore, spirituale, atta a ricongiungere l’essere umano al Divino. Attraverso l’uso della Cabala pratica si arriva quindi ad una complessa analisi mistica di se stessi, alla ricerca del Deus Absocnditus, quel Dio Inconoscibile la cui scintilla è però presente nell’uomo.

PROSEGUI NELLA LETTURA

(Visited 21 times, 1 visits today)