Secondo la Scienza è la scimmia che discende dall’uomo e non viceversa

scimmia uomo sermonti

Dopo l’uomo, la scimmia. Il Peter Pan dei primati

di Giuseppe Sermonti

La teoria evoluzionista, che fa discendere l’uomo dalla scimmia, ha confinato nel regno delle favole l’antropologia biblica, che vuole l’uomo creato ad immagine e somiglianza di Dio. Eppure i dati delle più recenti ricerche della paleontologia e della biologia molecolare sembrano indicare la grande antichità dell’uomo e il carattere secondario e derivato degli scimmioni africani. Riacquistano così significato le antiche mitologie, nelle quali l’animalesco trae le sue origini dall’umano. Continue reading

Renè Guenon e le sue assurde critiche alla Teosofia ed alla Società Teosofica

Guenon

Tra i più autorevoli critici verso la Teosofia e la Società Teosofica vi è indubbiamente l’esoterista francese Renè Guenon. Nella sua opera intitolata Theosophisme, Histoire d’une Pseudoreligion egli cerca di attaccare in molti modi la Teosofia, Madame Blavatsky e la Società Teosofica. Come rispondere? Continue reading

I Vangeli non parlano di Nazareth: Gesù il Nazareno era forse un Iniziato?

Nazareno

Quando si sente parlare di Gesù il Nazareno l’associazione mentale va subito alla cittadina di Nazareth. Solo che da un’attenta lettura dei Vangeli si nota che Gesù viene detto Iesous o Nazoraios, derivante dall’aramaico Yehoshua Nazorai, a sua volta derivato dall’ebraico Jeshua ha-Notzri, ovvero Gesù il Nazareno. Tale termine è stato abilmente manipolato e, soprattutto, inculcato nelle menti dei credenti, e viene quindi inteso come Gesù di Nazareth. Continue reading

Il mito della biga alata di Platone alla luce della Bhagavad Gita

mito della biga alata

Il mito della biga alata è, senza dubbio, uno dei miti più conosciuti della filosofia greca ed è descritto da Platone nel Fedro. Il mito della biga alata, detto altresì mito del carro e dell’auriga, serve a Platone per spiegare la condizione umana e la dottrina della Reincarnazione.  Continue reading

Ipazia di Alessandria: la più sapiente donna del mondo antico

Ipazia

Ipazia rappresentò l’apice della cultura femminile nel mondo antico. Ella era l’incarnazione del sapere e del progresso dal momento che trasmise i suoi insegnamenti liberamente a uomini e donne. Simbolo di cultura ed emancipazione femminile, ella si attirò le antipatie e l’odio delle autorità ecclesiastiche del suo tempo. Venne barbaramente assassinata dal fanatismo dei primi Cristiani su ordine del Vescovo Cirillo di Alessandria, in seguito santificato dalla Chiesa… Continue reading